La pinza tagliareticolati Malfatti

di Fabrizio Pini Avevamo deciso di battere con i metaldetector una zona “anomala”. La prima linea Italiana era molto lontana, i baraccamenti radi, sembravano più dei depositi, un crocevia vicino alla strada provinciale, dove speravamo che i soldati in ritirata dopo la rotta di caporetto avessero gettato o abbandonato equipaggiamento per alleggerirsi e fuggire più…